NOME: SBRU.
Per cosa sta Sbru? Sta per SBRU-ffona. Anche se tutti mi chiamano Sbru-MMM.

 

Mi è stato chiesto di raccontare la mia esperienza come clown di corsia, e l’incontro di un mese fa con Patch Adams a Trieste. Premetto che non è semplice parlare di questo argomento! Possono sembrare concetti banali o astratti perché, nonostante il condividere le emozioni che tutto ciò comporta, quest’esperienza è per me ancora qualcosa di davvero molto molto intimo e mi riesce difficile parlare ai Babbani del mondo clown. Non tento di convincere le persone ad iscriversi al corso, anche se credo fortemente che questo debba essere obbligatorio come un vaccino per la Vita, o meglio ancora renderlo obbligatorio prima di diventare adulti.

 

Il corso clown mi ha cambiato la vita!

 

No, non è una frase fatta, non lo dico perchè sto scrivendo qui a voi e devo fare bella figura. Lo dico perchè mi ha davvero cambiato la vita. Crescendo accade che i tuoi sensi e la tua felicità, vengano sopraffatti dagli eventi e dai problemi, la ragione ci porta a soporizzare quell’area infantile che abbiamo. “Cresci cresci cresci!” Ma Attenzione, crescere non significa “smettere di sorridere” o “smettere di giocare”, “smettere di prendersi in giro”. Tutto è iniziato anni fa, quando iniziando ad avvicinarmi al mondo del volontariato ho scoperto quanto benessere mi portasse, quante persone fantastiche potevo incontrare e quanto questo genere di esperienze mi potesse far crescere e credere in me e negli altri. Pian piano, a piccoli passi, tra un’associazione e l’altra, ho provato diverse esperienze: prima in Africa poi in regione, passando dall’amore per l’ambiente, ai bambini ed agli adulti con disabilità…mi sono avvicinata ad un mondo che non conoscevo, ed ho scoperto, con mio grande stupore, quanto sia facile stare con loro se ci si avvicina con semplicità e naturalezza.

 

Ho conosciuto il mondo della Clownterapia grazie al mio vicino di casa Marco, detto Petardino, da 10 anni clown di corsia con VIP Italia, Friulclaun Onlus. I suoi racconti, le foto, e l’idea stessa di quello che lui faceva, hanno generato in me una stima enorme e un’ammirazione per il suo coraggio nell’affrontare con il sorriso ambienti e situazioni pesanti ed angoscianti. Non ho mai creduto di poter essere all’altezza di un clown di corsia, per me erano degli Idoli astratti quei pazzi scatenati ed incoscienti pieni di coraggio, capacità nel far ridere, autocontrollo e forti doti di improvvisazione. Idoli appunto, figurarsi se io potessi mai anche solo avvicinarmi a quel mondo così lontano. E invece…Un giorno torno a casa, Marco è appena tornato dalla Croazia, era in un orfanotrofio.. mi rimane impressa la frase “la sera andavo a correre per scaricare le emozioni…altrimenti non ce la facevo!”….idoli che diventano uomini, pazzi incoscienti che affrontano le loro fragilità: “Ma allora sono Umani. Ma allora….”. Guardo il video di quel posto, Gornja Bistra. Lo guardo 4 volte per realizzare quello che stavo guardando.

 

Quel giorno ho fatto una promessa a me stessa, sarei andata li, prima o poi.

Oggi sono passati 2 anni da quando ho indossato il Naso per la prima volta, da quando sono diventata una pazza incosciente anch’io, da quando ho preso atto delle mie fragilità e le ho trasformate in sfida e coraggio ed ho fatto il corso Base. Ho ritrovato un pezzo di me che mi mancava tanto. In due anni ho fatto esperienze pazzesche ed ancora oggi non smetto mai di stupirmi per la bellezza delle emozioni che questo Naso mi regala, e regala a tutti. Le persone ti ringraziano anche solo incontrandoti per strada, pazienti che non parlano da settimane finiscono con il cantare insieme a te, le bolle di sapone piacciono tanto anche agli adulti, i miei compagni sono diversi ed incredibilmente splendidi, condividiamo gli stessi valori. Ho conosciuto i miei limiti, ho imparato a portare me stessa in Ospedale, ho visto che essere umili e sinceri ti può portare ovunque, il sorriso è il mezzo più potente che abbiamo. Ho capito quanto tutto questo mi faccia bene, perchè mi fa vedere quanto Bene c’è attorno…e mi depuro così da tutta la violenza e la cattiveria che riempie le televisioni ed i giornali. Grazie al volontariato ho imparato a conoscermi, ed ho trovato il mio posto nel mondo.

 

L’Associazione di cui faccio parte si chiama ViviamoInPositivo FRIULCLAUN Onlus ed è stata fondata nel 2004, con sede a Pozzuolo del Friuli (UD). Attualmente conta più di 100 Volontari Claun provenienti da tutta la Regione che garantiscono una presenza costante e regolare portando il Sorriso negli Ospedali, Case di Cura o di Riposo e Comunità del Friuli Venezia Giulia presso i quali operano in regime di autorizzazione o convenzione.
MISSION: portare la gioia :o)

 

Che non si deve mai dire a un bambino che i sogni sono sciocchezze: sarebbe una tragedia se lo credesse – Paulo Coelho

 

E si, ho realizzato un mio sogno: ho incontrato Patch Adams (Hunter Doherty Adams) a Trieste il 27 Ottobre 2015 alla conferenza “Il potere del sorriso: Patch Adams”seconda tappa del tour nazionale “Centodieci è ispirazione”. L’incontro con Patch è stato illuminante. Sapevo sarebbe stato potente, me ne avevano parlato, ma finche non lo vivi, non lo sai. Arriva quasi in sordina, alto enorme e colorato, affiancato dalla sua interprete di fiducia… io strozzo le lacrime in gola, ma l’occhietto suda felicità. Ci parla per ore e noi come bambini ad ascoltarlo a bocca aperta, senza distrazioni, cercando di memorizzare tutto e vivere il momento. La sua vita è stata tormentata, dopo tentativi di suicidio quando era poco più che un ragazzino, ha deciso di sfruttare il suo malessere di vita dovuto alla Non Accettazione della violenza nel mondo, per cercare nel suo piccolo di Cambiarlo quel mondo. Ha basato tutta la sua vita sul portare Pace e Sorrisi al prossimo, studiando il comportamento delle persone con numerosi esperimenti sociali, diventando medico e ponendosi l’obbiettivo di costruire un ospedale gratuito aperto a tutti. E cosi da anni ormai, che viaggia quasi ogni giorno da una conferenza all’altra, il cui ricavato economico è destinato a questo suo progetto di vita. Profondamente riconoscente ed ispirata da quest’uomo, rimango immobile in silenzio, seduta su quei seggiolini, travolta da tutto questo, realizzo solamente ora quanto quel giorno, quell’Americano, mi ha cambiata. Persone uniche al mondo, che rimaranno nella storia per aver fatto la differenza con la loro geniale follia e amore per la Vita.

Immensamente grata.

Silvia

 

PS: Eh si, qualche giorno fa mi sono iscritta al corso di formazione del “Il giardino delle rose blu” per andare a Gornja. Perchè un giorno senza un sorriso è un giorno perso (Charlie Chaplin).

 

Il sito della nostra federazione: www.clownterapia.it
Il sito della Giornata del Naso Rosso: www.giornatadelnasorosso.it
Il sito di FriulClaun: www.friulclaun.it
Il Giardino delle Rose Blu: Gornja Bistra | Youtube
Il sito di Patch Adams 

 

Silvia Blazina | #blogrotaractmaniagospilimbergo #racexperience #clownterapiafvg

 

Leave a Comment!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *